CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Nuovo Scientific Statement AHA sull'embolia polmonare

Fonte: Circulation. 2011;123:00-00.

Nuovo scientific statement dell'AHA sul management dell'embolia polmonare massiva e submassiva, della trombosi venosa profonda e dell'ipertensione polmonare cronica da tromboembolismo venoso. Il tromboembolismo venoso (VTE) è responsabile dell'ospedalizzazione di circa 250.000 americani ogni anno e rappresenta una causa significativa di mortalità ed invalidità. Questo nuovo documento rivisita lo stato dell'arte affrontando non solo il tema dell'embolia polmonare ma anche del miglior trattamento per la TVP e la malattia polmonare cronica tromboembolica. In particolare, grande risalto è stato dato all'uso della terapia medica e chirurgica avanzata dell'embolia polmonare (in particolare la trombolisi e l'embolectomia con tecniche catheter based o chirurgica). Il goal è di rendere i clinici capaci di gestire i sintomi dell'embolia polmonare, patologia, come già detto, infausta ed invalidante. Di seguito, vi proponiamo la flow-chart proposta dal documento riguardo la terapia fibrinolitica nell'embolia polmonare massiva e submassiva con o senza evidenza di disfunzione ventricolare destra. Si ricorda qui che la definizione data per l'embolia polmonare submassiva è di embolia polmonare acuta senza evidenza di ipotensione (PA sistolica >90 mmHg) ma con segni di disfunzione ventricolare destra o evidenza di necrosi miocardica (in particolare evidenza di elevati livelli di troponina I >0.4 ng/ml o troponina T >0.1 ng/ml). Tra i fattori di disfunzione ventricolare destra, inoltre, è contemplato il BNP (o, in alternativa, l'N-terminal pro-BNP). Pertanto, stando al Documento di consenso, a tutti i pazienti in cui si sospetti un evento embolico polmonare, per la sua corretta stratificazione andrebbero sempre dosati anche tali indici bio-umorali, importanti sia prognosticamente che per trattamenti farmacologici più aggressivi. L'embolectomia con catetere o chirurgica andrebbe riservata in prima istanza a centri considerati esperti in tali metodiche come alternativa alla fibrinolisi, oppure, per la grande maggioranza, a pazienti con embolia polmonare acuta massiva con evidenza di fallimento della terapia trombolitica (quindi con emodinamica persistentemente scadente o recidiva di collasso emodinamico). Tali metodiche nella terapia dell'embolia polmonare submassiva sono in classe IIb con sostanzialmente le stesse raccomandazioni. Non vi annoio più.. Per chi fosse interessato all'argomento il documento è free online..

Scarica allegato in PPTX - Download

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA