CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

La Ranolazina previene la fibrillazione atriale nei pazienti post by pass aortocoronarico meglio dell’Amiodarone

Fonte: American College of Cardiology, 60° Scientific Session 2011, New Orleans.

Questa è la conclusione a cui sono giunti i ricercatori coordinati dal dott. David K. Murdock dell’Aspirus Heart and Valvular Institute, di Wausau, USA. Partendo dal dato che la fibrillazione atriale è una delle complicanze che possono far salire i costi e prolungare la degenza in pazienti sottoposti ad intervento di bypass coronarico (CABG), Murdock ed i suoi colleghi hanno esaminato cartelle cliniche di 393 pazienti consecutivi che sono stati sottoposti a CABG. Di tale gruppo, 211 pazienti sono stati trattati con 400 mg di amiodarone prima dell'intervento chirurgico seguiti da 200 mg di amiodarone due volte al giorno nel post operatorio, mentre 182 pazienti sono stati trattati con 1.500 mg di ranolazina prima dell'intervento chirurgico e quindi con 1.000 mg due volte al giorno nel post operatorio. Malgrado il trattamento per evitare alterazioni del ritmo, il 26,5% dei pazienti pre-trattati con Amiodarone sono andati incontro a fibrillazione atriale nel post operatorio rispetto al 17,5% dei pazienti che hanno ricevuto la profilassi di ranolazina (P=0,035). Poiché lo studio è stato una analisi retrospettiva ed i pazienti non erano randomizzati, Murdock ha concluso che i risultati richiedono una conferma in uno studio clinico controllato.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA