CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

L'importanza dell'attività fisica e della perdita di peso per preservare la mobilità negli anziani

Fonte: Arch Intern Med 2011 in press.

La limitata mobilità è comune tra le persone anziane con patologie cardiovascolari e cardiometaboliche e ha profondi effetti sulla salute e il benessere. Questo studio randomizzato e controllato ha valutato gli effetti dell’attività fisica (PA) e del calo ponderale (WL) sulla mobilità nei soggetti sovrappeso o obesi con patologie cardiovascolari (CVD) o a rischio per CVD. I soggetti sono stati educati ad uno dei seguenti tre interventi: PA, WL + PA, o a una terapia educazionale per un buon invecchiamento (SA). L’obiettivo primario è stato valutare il tempo impiegato per completare una distanza di 400 m (400MWT). Il gruppo educato a WL + PA ha migliorato il 400MWT in modo significativo (P=0.002) (323.3 [3.7] secondi rispetto a PA (336.3 [3.9] secondi; P=0.02) e SA (341.3 [3.9] secondi; P<0.001). I partecipanti con una minore mobilità al basale sono quelli che hanno beneficiato di più dell’intervento (P<0.001). Quindi le infrastrutture presenti sul territorio possono essere un buon aiuto per migliorare la mobilità in soggetti anziani con patologie cardiovascolari; bisognerebbe focalizzare l’attenzione sia sul peso che sulla sedentarietà visto che il peso corporeo è molto importante per migliorare la mobilità.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA