CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

L’emorragia dei lembi valvolari è associata ad una progressione rapida della stenosi valvolare aortica degenerativa

Fonte: European Heart Journal Volume32, Issue7Pp. 888-896.

L'emorragia nella placca (emorragia intraplacca) svolge un ruolo critico nella progressione dell'aterosclerosi. Si è voluto anche dimostrare se  l’emorragia dei lembi valvolari è associata ad una progressione rapida della stenosi valvolare aortica degenerativa (AS). Sono stati esaminati campioni di lembi valvolari aortici ottenuti da 36 pazienti sottoposti a sostituzione valvolare aortica degenerativa per AS e in cui erano disponibili i dati ecocardiografici appena prima dell'intervento e di almeno 180 giorni prima dell'ultimo studio. Le valvole stenotiche sono state esaminate mediante immunoistochimica per rilevare emorragia dei lembi con l'anticorpo contro glicoforina A, una specifica proteina degli eritrociti. La progressione della AS è stata valutata dal cambiamento annuo nell’anulus della valvola aortica (ΔAVA: cm 2/anno). I pazienti sono stati divisi in due gruppi, e cioè il gruppo in rapida progressione (ΔAVA ≥ 0,1 centimetri 2/anno) e il gruppo a lenta progressione (ΔAVA <0,1 centimetri 2/anno), secondo il tasso medio di progressione riferito di AS. L’emorragia è stata osservata nel 78% dei campioni ed è stata associata con neovascolarizzazione e infiltrazione di macrofagi. Le aree di emorragia e di infiltrazione dei macrofagi erano maggiori nel gruppo in rapida progressione rispetto al gruppo a lenta progressione. L'analisi multivariata ha mostrato che l'area di emorragia intraleaflet era il solo fattore indipendente, positivamente correlato con ΔAVA.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA