CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

FFa in TAO ed elevati livelli di fattore von Willebrand: maggior rischio di trombosi ed emorragia

Fonte: J Am Coll Cardiol 2011.

Secondo i risultati di un nuovo studio, alti livelli di fattore von Willebrand plasmatico (vWF) sono associati ad un aumentato rischio di sanguinamento e di eventi trombotici, così come un aumentato rischio di morte, tra i pazienti con fibrillazione atriale stabilizzati in terapia anticoagulante orale. L'aggiunta del biomarcatore è stato anche in grado di affinare la stratificazione del rischio di sanguinamento in questi pazienti con fibrillazione atriale. In passato livelli di vWF elevati sono stati trovati in individui con malattie aterosclerotiche vascolari e infiammatorie, scrivono gli autori, e come tale vWF è stata proposto come una possibile biomarker di danno endoteliale. Altri studi hanno collegato elevati livelli plasmatici di vWF con un aumentato rischio di ictus e di eventi vascolari in pazienti con fibrillazione atriale che non ricevono terapia anticoagulante; gli autori hanno valutato il ruolo del fattore in relazione ad eventi avversi, la morte e sanguinamento maggiore nei pazienti trattati con warfarin. In questo studio, i ricercatori hanno incluso 829 pazienti con fibrillazione atriale permanente/parossistica che sono stati stabili per almeno sei mesi in terapia con anticoagulante orale (INR 2,0-3,0). Durante un follow-up mediano di 828 giorni, 95 pazienti hanno presentato un evento avverso cardiovascolare, definito come ictus/attacco ischemico transitorio, sindrome coronarica acuta, o un evento acuto da scompenso cardiaco. In un'analisi di regressione multivariata, l'età avanzata ( >75 anni), il diabete, un pregresso ictus, l’insufficienza cardiaca precedente, e l'essere fumatore sono stati associati ad un aumentato rischio di eventi cardiovascolari. Elevati livelli plasmatici di vWF, definito come > 221 UI/dl, sono stati associati con un aumento del rischio di eventi cardiovascolari, di decessi cardiovascolari, di tutti i decessi e di ictus emorragico.

Rischio di eventi clinici associati con elevati fattori di von Willebrand (> 221 UI / dL)

Biomarker

Composito di eventi cardiovascolari, HR (IC 95%)

Morte cardiovascolare, HR (IC 95%)

Tutte le cause di mortalità, HR (IC 95%)

Ictus emorragico, HR (IC 95%)

livelli di vWF > 221 UI / dL

2.71 (1.78-4.13)

3.05 (1.30-7.17)

2.03 (1.24-3.32)

4,47 (1.86-10.75)

In questa popolazione alti i livelli plasmatici di vWF probabilmente identificano una popolazione a rischio molto elevato di eventi trombotici ed emorragici. Questi dati  devono essere confermatI in uno studio progettato correttamente e adeguatamente randomizzato.

Roldán V, Marin F, Muina B, et al. Plasma von Willebrand factor levels are an independent risk factor for adverse events including mortality and major bleeding in anticoagulated atrial fibrillation patients. J Am Coll Cardiol 2011. Available at: http://content.onlinejacc.org.
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA