CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Bradicardie significative...Sottoanalisi del PLATO

Fonte: J Am Coll Cardiol, 2011; 57:1908-1916.

Tutti ormai conoscono i risultati dello studio PLATO (Platelet Inhibition and Patient Outcomes). Uno degli effetti collaterali principali del ticagrelor (e forse più temibile) è legato alla comparsa di bradiaritmie. Lo scopo di questa sottoanalisi è stato appunto quello di verificare l'incidenza di pause ventricolari significative nei gruppi trattati con ticagrelor e clopidogrel. L'analisi ha incluso 2.908 pazienti. Durante la prima settimana di monitoraggio continuo dell'ECG, pause ventricolari sognificative >3 secondi sono state più frequenti nel gruppo trattato con ticagrelor rispetto a clopidogrel (5.8% vs 3.6% rispettivamente p=0.006). Ad un mese di follow up, le pause significative nei gruppi, tuttavia, ha perso  la significatività anche se con un lieve trend a sfavore del ticagrelor (rispettivamente 2.1% vs 1.7%). La maggior parte degli eventi sono stati notturni, asintomatici e di origine sinoatriali (66%). Non si sono osservate differenze tra i gruppi riguardo impianto di PM, bradicardie clinicamente rilevanti con sincopi e arresti cardiaci.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA