CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Interruzione del trattamento antipertensivo: valutare i farmaci, non le classi!

Fonte: Journal of Hypertension 2011, 29:1012-1018.

Si sa che l'interruzione del trattamento antipertensivo è differente nelle diverse classi di farmaci antipertensivi. Non sono disponibili informazioni se questo fenomeno si distingua anche per i farmaci appartenenti alla stessa classe. Questo dato sarebbe clinicamente rilevante in quanto l'interruzione del trattamento è il principale responsabile dello scarso controllo della pressione arteriosa nella popolazione degli ipertesi. È stato studiato una coorte di 131.472 pazienti di età compresa tra i 40 e gli 80 anni, residente in Lombardia (Italia) che ha ricevuto la prima prescrizione di farmaci antipertensivi nel corso del 2005. L'interruzione è stata definita dalla mancanza di una prescrizione di farmaci antipertensivi nei 90 giorni successivi il termine dell'ultima prescrizione. I tassi standardizzati di sospensione variavano tra 6,2 e 24,4 eventi di ogni 100 persone-mese per i pazienti che avevano iniziato il trattamento in monoterapia rispettivamente con un sartano e con un diuretico. Tuttavia, c'è stata una significativa eterogeneità tra i tassi di interruzione del trattamento all'interno di ogni classe e tale eterogeneità differiva tra le classi stesse. Il più alto tasso di abbandono è stato di 13,9 per i calcio-antagonisti e di solo 1,7 per i sartani. All'interno di questa classe, il losartan ha mostrato un tasso di interruzione significativamente maggiore di quello degli altri antagonisti dei recettori dell'angiotensina, il cui tasso di abbandono era invece simile. Una significativa eterogeneità è stata notata anche per il trattamento iniziale con combinazioni a dose fissa di diversi ACE-inibitori o sartani con un diuretico. In conclusione, il confronto di interruzione del trattamento tra le classi dei farmaci antipertensivi maschera il fatto che questo fenomeno sia eterogeneo all'interno di una determinata classe. Ciò è rilevante per il calcolo del costo-beneficio del trattamento che, quindi, dovrebbe essere basato sui singoli farmaci piuttosto che sulle classi.

Scarica allegato in JPG - Download

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA