CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Che fare quando metformina e sulfonilurea non bastano più?

Fonte: Ann Inter Med 2011; 154(10): 672-679.

Questa metanalisi ha valutato quale farmaco sia meglio aggiungere in pazienti diabetici di tipo 2 non ben controllati da sulfonilurea e metformina. Sono stati scelti studi randomizzati di una durata di almeno 24 settimane. Questi studi valutavano gli effetti dell’aggiunta di un terzo agente ipoglicemizzante sul trattamento antidiabetico di soggetti di 18 anni o più con diabete mellito di tipo 2 e valori di emoglobina glicata (HbA1c) superiori a 7.0% già in terapia con metformina e sulfonilurea. Sono stati inclusi 18 studi per un totale di 4.535 partecipanti con una durata media di 31 settimane (da 24 a 52 settimane). Le categorie farmacologiche non differivano per effetto sul valore di HbA1c (riduzione media −0.70% per acarbose; −1.08% per l’insulina). C’è stato, invece un incremento ponderale con insulina (+2.84 kg) e  tiazolidinedioni (4.25 kg), mentre si è osservato un decremento ponderale con gli agonisti dell’ormone GLP-1 (-1.63 kg). L’insulina ha raddoppiato il rischio di ipoglicemie rispetto agli ipoglicemizzanti orali. Quindi non sembrerebbe esserci una classe farmacologica migliore delle altre da aggiungere a metformina e sulfonilurea, la classe più opportuna da aggiungere va scelta sulla base delle caratteristiche del paziente.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA