CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Titolare rosuvastatina o affiancare l'ezetimibe? Lo studio ACTE

Fonte: Am J of Cardiol 2011: onlinefirst 2011.

Studio randomizzato multicentrico in doppio cieco, che ha valutato l'efficacia e la sicurezza dell'associazione rosuvastatina-ezetimibe vs rosuvastatina da sola (in titolazione) per raggiungere livelli di colesterolemia raccomandati dalle Linee Guida Internazionali in una popolazione a medio-alto rischio cardiovascolare e con associata ovviamente ipercolesterolemia. In pratica o si somministrava una associazione fissa rosuvastatina (5 o 10 mg) ed ezetimibe (10 mg) o si titolava la rosuvastatina da 5 a 10 a 20 mg. Lo studio ha coinvolto 440 soggetti. I target lipidici sono stati una colesterolemia LDL<100 mg/dl nei pazienti ad alto rischio o <70 mg/dl in quelli con malattia aterosclerotica conclamata (Come indicato nelle raccomandazioni del  National Cholesterol Education Program Adult Treatment Panel III). L'analisi dei dati hanno evidenziato che l'associazione di ezetimibe-rosuvastatina è stata più efficace della sola rosuvastatina nel raggiungimento dei target colesterolemici (p<0.001), mantenedo un profilo favorevole anche sulle HDL e sull'apolipoproteina B (p<0.001). Le complicanze delle due terapie sono state assolutamente sovrapponibili mostrando, l'associazione ezetimibe-rosuvastatina, ottima tollerabilità.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA