CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Via libera all’intervento percutaneo “combinato”!

Fonte: J Am Coll Cardiol Intv, 2011; 4:560-568 doi:10.1016/j.jcin.2011.01.012.

Nei pazienti con COD (patologia carotidea ostruttiva) e concomitante CAD (malattia coronarica), un trattamento percutaneo combinato confrontato con le precedenti esperienze sia chirurgiche che ibride si è dimostrato favorevole alla strategia percutanea, in particolare nei pazienti complessi ad alto rischio chirurgico. Queste sono le conclusioni a cui sono giunti il dott. Fabrizio Tomai (Dipartimento di Scienze Cardiovascolari, European Hospital, Roma) ed i suoi colleghi che nel FRIENDS (Finalized Research in Endovascular Strategies) Study Group si sono proposti di valutare la strategia riperfusiva percutanea combinata in pazienti con COD e concomitante CAD a breve (30 giorni) ed a lungo (in media 520 giorni) termine. Tra Gennaio 2006 e l'Aprile 2010 da 4 centri ad alto volume specializzati per il trattamento delle malattie vascolari sono stati selezionati 239 pazienti consecutivi con COD (con stenosi carotidea sintomatica nel 20,5% dei casi) e concomitante CAD; tutti i pazienti sono stati trattati con stenting a step consecutivi o simultaneo dell'arteria carotide e delle coronarie e sono stati inclusi nel registro prospettico. L'end point primario era l'incidenza di eventi maggiori cardiaci e cerebrovascolari (inclusi morte, infarto miocardico o ictus) verificatesi tra la prima procedura di rivascolarizzazione e 30 giorni dopo il secondo intervento di rivascolarizzazione. L'incidenza dell'end point primario a 30 giorni è stata del 4,2% (95% intervallo di confidenza [CI]: 2,02-7,56) e nel follow up a lungo termine il tasso di morte, infarto miocardico e ictus è stato del 4,2%, 2,1% e 3,8%,rispettivamente. Inoltre, nel follow-up a lungo termine si è evidenziato un tasso significativamente più alto di eventi cardiaci e cerebrovascolari in pazienti con pregressi vascolari (cardiaci e cerebrali) rispetto ai pazienti con un primo episodio clinico (17% vs 6%, hazard ratio: 3,34, IC 95%: 1,46 a 7,63, p=0,004).

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA