CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Il ritmo circadiano è correlato alla dimensione dell’infarto

Fonte: Heart 2011;97:970-976 doi:10.1136/hrt.2010.212621.

La dimensione dell’infarto appare correlata al momento della giornata in cui è insorto lo STEMI (infarto miocardico con sopraslivellamento ST) e la dimensione dell'infarto risulta significativamente maggiore quando lo STEMI insorge nel periodo di transizione dalla notte al giorno (6:00-mezzogiorno). Queste sono le conclusioni a cui sono giunti la dott.ssa Aida Suárez-Barrientos (Coronary Care Unit, Cardiovascular Institute, Hospital Clínico San Carlos, Madrid, Spagna) ed i suoi colleghi che si sono proposti di indagare quale ruolo avesse il momento della giornata in cui insorge uno STEMI sulla dimensione dell’infarto. Mediante un’analisi retrospettiva di un singolo centro è stata stimata la dimensione dell'infarto attraverso il rilascio del picco enzimatico degli 811 pazienti ammessi nel centro con diagnosi di STEMI tra il 2003 e il 2009. E' stata, poi, definita la relazione tra il picco di concentrazione degli enzimi ed il momento della giornata attraverso un’analisi di regressione  multivariata. Il tempo d'insorgenza dello STEMI è stato suddiviso in quattro periodi di 6 ore in relazione ai ritmi circadiani. I dati ottenuti hanno mostrato una variazione circadiana nella dimensione dell’infarto in funzione del periodo del giorno in cui è insorto, come evidenziato dal picco delle concentrazioni di creatin-chinasi (CK) e di troponina I (TnI) (p=0,015 e p=0,012, rispettivamente). Le curve delle concentrazioni di CK e TnI hanno presentano dei patterns simili in funzione del periodo di tempo, con un picco massimo dalle 6:00 a.m. a mezzogiorno ed un livello minimo da mezzogiorno alle18: 00. Inoltre, la dimensione dell'infarto è risultata maggiore nei pazienti con STEMI esordito nel periodo di transizione dalla notte al giorno (6:00-mezzogiorno), con un aumento del picco di concentrazione di CK e TnI del 18,3% (p=0,031) e del 24,6% (p=0,033 ) rispettivamente, rispetto ai casi di STEMI insorti dalle 18:00 a mezzanotte.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA