CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Valore prognostico degli acidi grassi nel tessuto adiposo

Fonte: European Heart Journal Volume32, Issue11Pp. 1416-1423.

I grassi alimentari sono abitualmente considerati fattori determinanti del rischio cardiovascolare, ma la base scientifica di questa associazione non è mai stata dimostrata utilizzando misure obiettive di assunzione di grassi in una grande esperienza prospettica di popolazione. In questo studio, pubblicato sull'European Heart Journal, e' stato prelevato tessuto adiposo da 3.944 soggetti partecipanti allo Scottish Health Extended Cohort Study, prevalentemente di età compresa tra 40-59 anni, in Scozia, negli anni 1984-1987. Percentuali individuali di acidi grassi sono stati misurate utilizzando la gascromatografia. Si sono verificati 870 casi di malattie cardiovascolari (CVD) in una mediana di 19,5 anni. Dopo aggiustamento per età, sesso, colesterolo totale e HDL, pressione arteriosa sistolica, fumo, uso di farmaci per ipertensione, diabete, status socio-economico e storia famigliare, la percentuale di acidi monoinsaturi nel tessuto adiposo hanno presentato un rapporto logaritmico positivo con gli eventi CVD (HR 1.29 intervallo di confidenza 95%: 1,05 - 1,59). L’associazione ai valori di grassi n-3 polinsaturi ha evidenziato una tendenza inversa, con un corrispondente risultato di 0,77 (0,63 - 0,94). Una dieta che è proporzionalmente ricca di grassi polinsaturi, al contrario di altri grassi, è associata ad una riduzione del rischio di malattia cardiovascolare, indipendentemente dagli effetti dei comuni fattori di rischio cardiovascolare.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA