CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Punteggio EuroHeart per stimare la mortalità ospedaliera nei pazienti sottoposti a PCI

Fonte: European Heart Journal Volume 32, Issue 11 Pp. 1398-1408.

L'applicabilità della previsione di rischio di mortalità con modelli attualmente disponibili per i pazienti sottoposti ad interventi coronarici percutanei (PCI) è limitata. L’analisi pubblicata da poco sullo European Heart Journal si basa su dati recenti, rappresentativi della realtà europea, provenienti dal data base Euro Heart Survey con ben 46.064 pazienti sottoposti a PCI per indicazioni diverse in 176 centri europei negli anni 2005-2008. I pazienti sono stati randomizzati in due bracci detti “training” (n=23.032) e “validation” (n=23.032) con caratteristiche simili. In questi bracci si sono verificati 339 (1,5%) e 305 (1,3%) casi di morte durante l'ospedalizzazione, rispettivamente. Sulla base del braccio “training” sono stati individuati 16 elementi di correlazione indipendente di mortalità ospedaliera nei pazienti in PCI, tra cui caratteristiche di lesione e mortalità, indicazioni a PCI, età avanzata, instabilità emodinamica, malattia multivasale e malattia vasale prossimale. In entrambi i bracci, il modello ha avuto una buona performance in termini di discriminazione (C -indice 0.91 e 0.90, rispettivamente) e calibrazione (Hosmer-Lemeshow P-valore di 0,39 e 0,18, rispettivamente). In conclusione, quindi, la mortalità intraospedaliera in pazienti sottoposti a PCI può essere ben predetta da un risk score contenente i 16 fattori di corelazione individuati dall'analisi.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA