CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

In quali pazienti è più efficace la CRT?

Fonte: Arch Intern Med. Published online June 13, 2011.

In questo studio è stata valutata l’efficacia della resincronizzazione cardiaca in base alla durata del QRS. Sono stati inclusi 5 trial randomizzati sulla CRT in cui erano riportati gli outcome stratificati per la durata del QRS, suddivisa in moderatamente aumentata (120-143 msec) e severamente aumentata (> 150 msec). Nei pazienti con QRS severamente prolungato, si è osservata una minore incidenza di eventi aversi al follow up (morte e ospedalizzazione) (RR 0.60; 95% IC 0.53-0.67, P<0.001). Nei pazienti con QRS moderatamente allungato, invece, non è stato osservato nessun beneficio (RR, 0.95; 95% CI, 0.82-1.10, P=0.48). La differenza in termini di outcome tra i 2 gruppi è risultata significativa per tutte le classi NYHA. Questi dati, quindi, suggeriscono che i pazienti che maggiormente beneficiano della resincronizzazione sono i pazienti con QRS > 150 msec.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA