CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Andamento nel tempo della nefropatia diabetica

Fonte: JAMA 2011; 305 (24) : 2532-2539.

Il diabete è la principale causa di malattie renali nel mondo sviluppato. Nel corso del tempo, la prevalenza di nefropatia diabetica (DKD) può aumentare a causa delle dimensioni in espansione della popolazione affetta da diabete o diminuire per azione delle terpaie. E’ stata effettuata una valutazione di prevalenza di DKD negli Stati Uniti mediante i dati della National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES III) negli anni 1988-1994 (N = 15.073), NHANES 1999-2004 (N = 13.045) e NHANES 2005-2008 (N = 9.588 ). I partecipanti con diabete sono stati definiti dal livello di emoglobina glicata da 6,5% o superiore, dall'uso di farmaci ipoglicemizzanti, o entrambi (n = 1.431 nel NHANES III, n = 1.443 nel NHANES 1999-2004; n = 1.280 nel NHANES 2005-2008 ). La nefropatia diabetica è stata definita come diabete con albuminuria (rapporto tra albuminuria creatinina ≥ 30 mg/g),  con ridotto tasso di filtrazione glomerulare(<60  mL/min/1.73m2 stimato utilizzando la Chronic Kidney Disease Epidemiology Collaboration formula), o entrambi. La prevalenza della DKD nella popolazione statunitense è stimata essere il 2,2% (95% intervallo di confidenza [CI], 1,8% -2,6%) nel NHANES III, 2,8% (95% CI, 2,4% -3,1%) nel NHANES 1999-2004 e del 3,3% (95% CI, 2,8% -3,7%) nel NHANES 2005-2008 (p<0.01 per trend). La prevalenza di DKD aumenta in proporzione diretta con la prevalenza del diabete. Tra le persone con diabete, l’uso di farmaci ipoglicemizzanti è aumentato dal 56,2% (95% CI, 52,1% -60,4%) nel NHANES III al 74,2% (95% CI, 70,4%-78,0%) nel NHANES 2005-2008 (P<0.001), L'uso di inibitori del sistema renina-angiotensina-aldosterone è aumentato dal 11,2% (95% CI, 9,0% - 13,4%) al 40,6% (95% CI, 37,2% - 43,9%), rispettivamente (P<0.001 ), la prevalenza della riduzione del tasso di filtrazione glomerulare è aumentata dal 14,9% (95% CI, 12,1% -17,8%) al 17,7% (95% CI, 15,2% -20,2%), rispettivamente (P=0.03) e la prevalenza di albuminuria è diminuita dal 27,3% (95% CI, 22,0% - 32,7%) al 23,7% (95% CI, 19,3% - 28,0%), rispettivamente, ma questo non era statisticamente significativo (P= 0.07). In conclusione la DKD negli Stati Uniti è cresciuta tra il 1988 ed il 2008 in linea con la diffusione del diabete mellito. La prevalenza di DKD tra i pazienti diabetici è rimasta stabile nel tempo nonostante l'incremento di impiego dei farmaci antidiabetici e degli antagonisti del sistema renina-angiotensina-aldosterone.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA