CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Dispnea nello scompenso acuto: effetto dell'antagonista del recettore dell'adenosina A1 rolofillina

Fonte: European Heart Journal Volume 32, Issue 12 Pp. 1519-1534.

Dispnea e congestione polmonare e/o periferica sono le manifestazioni più frequenti di insufficienza cardiaca acuta (AHF) e sono obiettivi importanti per la terapia. Variazioni nella dispnea, il rapporto con la mortalità e gli effetti della rolofillina, antagonista del recettore dell'adenosina A1, sono stati oggetto dello studio PROTECT (Placebo-controlled Randomized Study of the Selective A 1 Adenosine Receptor Antagonist Rolofylline for Patients Hospitalized with Acute Decompensated Heart Failure and Volume Overload to Assess Treatment Effect on Congestion and Renal Function Trial). PROTECT è stato uno studio prospettico, in doppio cieco, controllato versus placebo, che ha valutato l'effetto di rolofillina nei pazienti ospedalizzati per AHF con dispnea, sovraccarico di liquidi, aumento plasmatico di peptidi natriuretici e disfunzione renale da lieve a moderata. Un iniziale miglioramento della dispnea, prospetticamente definita come dispnea moderatamente o decisamente migliore, sia a 24 e 48 ore dopo l'inizio della somministrazione del farmaco in studio, si è verificato nel 49,8% dei pazienti. Ciò è stato associato a perdita di peso maggiore e ad una riduzione della mortalità a giorni 14 e 30 [hazard ratio (HR) 0,28, intervallo di confidenza al 95% (CI): 0,15, 0,50 e 0,35, 95% CI: 0,22, 0,55, rispettivamente]. La somministrazine di rolofillina era associata ad un aumento della proporzione di pazienti che hanno presentato un rapido miglioramento della dispnea (HR 1,30, 95% CI: 1,08, 1,57) e con una mortalità numericamente inferiore a 14 e 30 giorni, in gran parte determinata dalla mortalità a causa di HF [at 30 giorni, HR (IC 95%, P -value): 0,65 (0,38-1,10, p = 0,107)]. Rolofillina non ha ridotto gli episodi di HF intra-ospedaliero o riammissioni post-dimissione, né ha migliorato la sopravvivenza a 60 o 180 giorni in modo significativo nei soggetti che non avevano avuto un importante aumento di peso in acuto.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA