CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

L'attività fisica negli anziani è associata ad un'aumentata vasodilatazione coronarica

Fonte: J Am Coll Cardiol Img 2011; 4: 622-629.

Queste sono le conclusioni a cui sono giunti i ricercatori dell’ ADVANCE Study coordinati da Patricia K. Nguyen, della Stanford University, California. Partendo dal presupposto che l'attività fisica può esercitare i suoi effetti benefici aumentando la reattività coronarica all’ossido nitrico, tuttavia la relazione tra attività fisica e la risposta vasodilatatrice coronarica al nitrato, un donatore di ossido nitrico esogeno, non è nota in una popolazione non sedenataria. Pertanto i ricercatori hanno arruolato 212 soggetti anziani (età 60-72 anni) senza malattia cardiovascolare ed hanno misurato la risposta vasodilatatoria coronarica alla NTG mediante angioRMN e l'attività fisica utilizzando lo Stanford Seven-Day Physical Activity Recall Questionnaire. La vasodilatazione coronarica è stata del 27,6% nei soggetti più attivi (>35 kcal/kg/die, per esempio, 1 ora di cammino al giorno), rispetto al 18,9% nei soggetti meno attivi (p=0,03). L'analisi di regressione ha mostrato una significativa correlazione positiva tra vasodilatazione coronarica e l'attività fisica (p=0,003). La vasodilatazione coronarica è stata associata anche con intensità dell'attività fisica (p=0,03).

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA