CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Nurse's Health Study: uno stile di vita salutare previene la morte cardiaca improvvisa nelle donne

Fonte: JAMA 2011; 306 (1): 62-69.

La morte cardiaca improvvisa incide per più della metà di tutte le morti cardiache; la maggior parte di tali eventi si verifica come prima manifestazione di malattia cardiaca, soprattutto tra le donne. Sono quindi necessarie strategie di prevenzione primaria per ridurre l’incidenza di morte cardiaca improvvisa. Questo studio è stato condotto per stimare se il grado di adesione a uno stile di vita sano possa ridurre il rischio di morte cardiaca improvvisa tra le donne. Il Nurses' Health Study è uno studio prospettico di coorte su 81.722 donne condotto negli Stati Uniti dal giugno 1984 al giugno 2010. Lo stile di vita è stato valutato tramite questionari somministrati ogni 2 o 4 anni. Uno stile di vita a basso rischio è stato definito come: non fumare, indice di massa corporea inferiore a 25, la durata dell'esercizio di 30 minuti/giorno o più, un punteggio superiore al 40% della dieta mediterranea che sottolinea l’alto consumo di verdura, frutta, noci, legumi, cereali integrali e pesce e l'assunzione moderata di alcol. L’outcome primario era la morte cardiaca improvvisa (definito come morte intervenuta entro 1 ora dall'insorgenza dei sintomi, senza evidenza di collasso circolatorio). Si sono verificati 321 casi di morte cardiaca improvvisa durante 26 anni di follow-up. Le donne avevano un’età media di 72 anni al momento dell’evento. Tutti e 4 i fattori legati allo stile di vita sono risultati significativamente ed indipendentemente associata ad un minor rischio di morte cardiaca improvvisa. Il rischio assoluto di morte cardiaca improvvisa è stato di 22 casi/100.000 persone-anno tra le donne con 0 fattori “di basso rischio”, 17 casi/100 000 persone-anno con 1 fattore, 18 casi/100 000 persone-anno con 2 fattori, 13 casi/100 000 persone-anno con 3 fattori e 16 casi/100 000 persone-anno con 4 fattori “di basso rischio”. Rispetto alle donne con 0 fattori “di basso rischio”, il rischio relativo di morte cardiaca improvvisa è stato 0,54 per le donne con 1 fattore, 0,41  per 2 fattori, 0,33  per 3 fattori e 0,08  per 4 fattori “di basso rischio”. La percentuale di morte cardiaca improvvisa attribuibile al fumo, inattività, sovrappeso e dieta povera era 81%. In conclusione, l'adesione a uno stile di vita a basso rischio è associato ad un basso rischio di morte cardiaca improvvisa.

Scarica allegato in JPG - Download

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA