CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Atorvastatina ad alte dosi prima di una coronarografia previene la nefropatia da contrasto!

Fonte: Am J Cardiol 2011; 108(1): 1-7.

La nefropatia da mezzo di contrasto (CIN), influenza la prognosi nei pazienti sottoposti a procedure angiografiche. Lo scopo di questo studio è stato investigare se un carico di atorvastatina ad alte dosi per un breve periodo riduca l’incidenza di CIN dopo un intervento di riperfusione coronarica (PCI). Pazienti mai trattati con statine, con sindrome coronarica acuta, in attesa di sottoporsi a PCI (n=241) sono stati randomizzati ad assumere atorvastatina (80 mg 12 ore prima dell’intervento seguiti da una successiva dose di 40 mg periprocedurali, n=120) o placebo (n=121). Tutti i pazienti sono stati posti in trattamento con atorvastatina 40 mg dopo l’intervento. L’obiettivo primario è stato valutare l’incidenza di CIN definita come un aumento della creatinina sierica post-intervento di ≥0.5 mg/dl o >25% dal basale. Il 5% dei pazienti del gruppo pre-trattato con statina hanno sviluppato CIN versus il 13.2% di quelli trattati con placebo (p=0.046). Nel gruppo trattato con atorvastatina, i livelli di creatinina post-intervento erano significativamente più bassi (1.06±0.35 vs 1.12±0.27 mg/dl nel gruppo placebo, p=0.01), la clearance della creatinina era ridotta (80.1±32.2 vs 72.0±26.6 ml/min, p=0.034), e i livelli di proteina C-reattiva dopo l’intervento erano diminuiti (8.4±10.5 vs 13.1±20.8 mg/l, p=0.01). Un’analisi multi-variata ha mostrato che il pre-trattamento con atorvastatina è indipendentemente associato con un ridotto rischio di CIN (odds ratios 0.34, 95% intervallo di confidenza da 0.12 a 0.97, p=0.043). La prevenzione di CIN con atorvastatina ha anche portato ad una riduzione della permanenza in ospedale (p=0.007). I positivi effetti di atorvastatina potrebbero essere legati agli effetti anti-infiammatori. Questi risultati, quindi, danno un’ulteriore supporto all’utilità di usare alte dosi di statina come coadiuvante farmacologico per la rivascolarizzazione percutanea coronarica.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA