CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Negli Stati Uniti l’angioplastica nel cardiopatico cronico è inappropriata nel 12% dei casi

Fonte: JAMA 2011; 306(1): 53-61.

Questa è la conclusione a cui è giunto il gruppo di studio coordinato dal dott. Paul S. Chan del Saint Luke's Mid America Heart and Vascular Institute di Kansas City. Partendo dal presupposto che nonostante l'uso diffuso dell’angioplastica coronarica (PCI), oggi l'adeguatezza di tali procedure è ancora sconosciuta. I ricercatori si sono posti l’obiettivo di valutare l'adeguatezza della PCI negli Stati Uniti. Sono stati valutati i pazienti sottoposti a PCI tra il 1 Luglio 2009 e il 30 settembre 2010 nei 1.091 ospedali degli Stati Uniti. L'adeguatezza del PCI è stata stabilita in base ai criteri riconducibili ad un uso appropriato della rivascolarizzazione coronarica. I risultati sono stati stratificati in base al fatto che la procedura sia stata eseguita in acuto (infarto miocardico STEMI, infarto miocardico NSTEMI o angina instabile con caratteristiche ad alto rischio) o per una indicazione non acuta. Delle 500.154 PCI, 355.417 (71,1%) sono state eseguite per indicazioni acute (infarto miocardico STEMI, 103.245 [20,6%]; infarto miocardico NSTEMI, 105.708 [21,1%]; angina instabile ad alto rischio, 146.464 [29,3%]) e 144.737 (28,9%) per le indicazioni non acute. Per le indicazioni acute, 350.469 PCI (98,6%) sono state classificate corrette, 1.055 (0,3%) come incerte e 3.893 (1,1%) come inappropriate. Per le indicazioni non acute, 72.911 PCI (50,4%) sono state classificate corrette, 54.988 (38,0%) come incerte e 16.838 (11,6%) come inappropriate. La maggior parte delle PCI inadeguate sono state eseguite in pazienti senza angina (53,8%), in pazienti a basso rischio di ischemia allo stress test non invasivo (71,6%), sottoposti la terapia antianginosa ma non ottimale (≤ 1 farmaco) (95,8%). Inoltre, sebbene la variazione percentuale delle PCI inadeguate tra ospedali sia stata minima per le procedure acute, si riscontrano differenze sostanziali tra ospedali per le procedure non acute (tasso ospedale mediano per inadeguato PCI, 10,8%, range interquartile, 6,0% -16,7%).

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA