CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

La vulnerabilità della placca sta nelle proteine

Fonte: European Heart Journal Volume 32, Issue 14 Pp. 1758-1768.

La proteina adipocitaria legante gli acidi grassi nelle placche aterosclerotiche è associata a vulnerabilità locale ed è predittiva per l'insorgenza di eventi avversi cardiovascolari. C'è un bisogno crescente di studi traslazionali per identificare i bersagli molecolari che contribuiscono alla destabilizzazione della placca aterosclerotica. Marcatori molecolari locali a livello della placca, legati alla vulnerabilità della stessa, possono identificare un valore predittivo per individuare i pazienti che sono ad aumentato rischio di eventi cardiovascolari. Gli studi sugli animali hanno rivelato che la proteina degli adipociti di acidi grassi vincolanti (FABP4) è associata con la progressione dell'aterosclerosi, ma studi mancano studi relativi all’espressione di FABP4 in placche aterosclerotiche umane. È stata studiata la espressione di FABP4 su lesioni aterosclerotiche carotidee in relazione alla composizione della placca e futuri eventi cardiovascolari. I dati delle placche aterosclerotiche sono stati ottenuti da 561 pazienti sottoposti ad endoarterectomia carotidea (CEA). Le placche sono state analizzate per la presenza di macrofagi, core lipidico, cellule della muscolatura liscia, il collagene, la calcificazione, ed emorragia intraplacca. I pazienti sono stati seguiti per 3 anni dopo il CEA. L'end point primario era definito come il composito di morte vascolare, evento vascolare, e l'intervento chirurgico o percutaneo vascolare. Livelli di proteine ed acidi grassi proteine sono stati posti in correlazione con le caratteristiche della placca instabile e lesioni sintomatiche. I pazienti con un aumento di FABP4 di placca hanno mostrato un duplice aumento del rischio [HR = 1,99, intervallo di confidenza al 95% (95% CI) (1,30-3,04)] (P = 0,005) per raggiungere l'end point primario durante il follow-up. L’aumento dei livelli FABP4 correlati all'outcome primario è stato rilevato come indipendente da fattori generali di rischio cardiovascolare [HR = 1,33, IC 95% (1,08-1,65)] (P=0,008).

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA