CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Diabete mellito e scompenso cardiaco: quanto influisce la glicemia?

Fonte: The Lancet 08/07/2011.

In questo ampio studio pubblicato su Lancet questa settimana è stata valutata l’associazione tra incidenza di scompenso cardiaco e controllo glicemico in pazienti con diabete mellito tipo 1. A tale scopo tra il 1998 e 2003 sono stati inclusi 20.985 pazienti (età media pari a 38.6 anni) con DM tipo 1 in assenza di nota cardiopatia. Nel corso del follow up (mediana 9 anni), 635 pazienti sono stati ricoverati per scompenso cardiaco, con una incidenza pari a 3.38 eventi per 1.000 pazienti/anno. L’incidenza di eventi è risutata correlata ai valori di emoglobina glicata con un range pari a 1.42-5.20 per 1.000 pazienti/anno nei pazienti con valori più bassi (<6.5%) e più alti (>10.5%) di emoglobina glicata. All’analisi multivariata dopo aggiustamento per età, sesso, durata del diabete, fattori di rischio cardiovascolari e altre comorbidità, il rischio di sviluppare uno scompenso cardiaco è risultato pari a 3.98 nei pazienti con Hb glicata >10.5% (95% CI 2.23-7.14) rispetto ai pazienti con Hb glicata < 6.5%. Il rischio di scompenso cardiaco, inoltre, incrementava all’aumentare dell’età e della durata del diabete mellito ed era inoltre associato all’abitudine tabagica, all’ipertensione e ad un elevato body-mass index.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA