CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Sodio contro potassio: il risultato è la mortalità!

Fonte: Arch Intern Med 2011; 171 (13): 1183-1191.

Diversi studi epidemiologici suggeriscono che una maggiore assunzione di sodio e una minore assunzione di potassio sono associati ad un aumentato rischio di malattie cardiovascolari; tuttavia, pochi studi hanno esaminato gli effetti congiunti di sodio e potassio nella dieta sul rischio di mortalità. A questo proposito il Third National Health and Nutrition Examination Survey Linked Mortality File (1988-2006), uno studio di coorte prospettico di un campione rappresentativo di 12.267 adulti americani, ha studiato la mortalità per tutte le cause, per malattie cardiovascolari e per cardiopatia ischemica. Durante un periodo medio di follow-up di 14,8 anni sono stati documentati un totale di 2.270 morti, tra cui 825 per malattie cardiovascolari e 443 per cardiopatia ischemica. Le analisi statistiche hanno mostrato che un'assunzione di sodio più elevata è stata associata con un aumento per tutte le cause di mortalità mentre una più alta assunzione di potassio è stata associata a più bassi rischi di mortalità. In conclusione, questi risultati suggeriscono che un più alto rapporto sodio-potassio è associato ad aumento significativo del rischio di malattia cardiovascolare e di mortalità per qualsiasi causa e che l'assunzione di grandi quantità sodio è associata ad un aumento della mortalità totale nella popolazione generale degli Stati Uniti.

Scarica allegato in JPG - Download

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA