CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Protezione cerebrale durante l'intervento chirurgico per dissezione aortica acuta di tipo A

Fonte: Circulation 2011; 124: 434-443.

I risultati del Registro tedesco per dissezione aortica acuta di tipo A (GERAADA) hanno dimostrato che la protezione cerebrale durante l'intervento chirurgico per dissezione aortica acuta di tipo A si basa su l’arresto circolatorio ipotermico, da solo o in combinazione con la perfusione cerebrale. Sono state considerate le condizioni perioperatorie ed intraoperatorie di 1.558 pazienti sottoposti a procedure in 44 centri di cardiochirurgia in paesi di lingua tedesca. Tra i pazienti con dissezione aortica acuta di tipo A, 355 (22,8%) sono stati sottoposti ad intervento chirurgico con il solo arresto circolatorio ipotermico. Su 1.115 pazienti (71,6%), per la perfusione cerebrale è stata utilizzata una tecnica cerebrale anterograda unilaterale (ACP), in 628 pazienti (40,3%) è stato scelto l’approccio bilaterale in 453 (29,1%), e la perfusione retrograda in 34 pazienti (2,2%). Per 88 pazienti con dissezione aortica acuta di tipo A (5,6%), nessun arresto circolatorio è stato segnalato (gruppo bypass cardiopolmonare). End-point dello studio sono stati mortalità a 30 giorni (15,9% complessivo) e la mortalità corretta con disfunzione neurologica permanente (10,5% complessivo). I rispettivi valori per il bypass cardiopolmonare sono stati 11,4% e 9,1%. L'arresto circolatorio ipotermico a 30 giorni ha avuto un tasso di mortalità del 19,4% e un tasso di mortalità con correzione per disfunzione neurologica del 11,5%, mentre i tassi per approccio unilaterale e per il bilaterale erano rispettivamenteerano 13,9% e 10,0% e 15,9% e 11,0%. In contrasto con i gruppi ACP, c'è stato un aumento della mortalità quando l’arresto circolatorio ha superato i 30 minuti nel gruppo con arresto circolatorio ipotermico (P<0,001). Il parametro di mortalità corretta con la disfunzione neurologica permanente ha correlato significativamente con la pressione di perfusione nei gruppi ACP.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA