CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Controllo pressorio: i risultati dello studio EUROASPIRE III

Fonte: J Hypertens 2011; 29(8): 1641-1648.

Il controllo pressorio è un punto chiave nella gestione dei pazienti con problemi coronarici (CHD). Questo studio vuole identificare particolari gruppi di pazienti che potrebbero beneficiare di specifici target pressori nella prevenzione secondaria delle CHD. Lo studio EUROASPIRE III è uno studio condotto nel 2006-2007 su pazienti di 80 anni ospedalizzati per CHD. Sono stati arruolati 7.649 pazienti provenienti da 76 centri in 22 regioni europee osservati per una media di 15 mesi dopo l’ospedalizzazione. Un’analisi di regressione lineare è stata utilizzata per valutare i fattori di rischio associati all’ipertensione arteriosa e alla conoscenza del proprio adeguato target pressorio, usando come cut-point valori <140/90 mmHg. Si è osservato che tra i 7649 in terapia con farmaci antiipertensivi, il 50.4% raggiungeva un buon controllo pressorio, mentre il 49.4% aveva un’adeguata conoscenza dei propri valori target pressori. I pazienti obesi erano meno controllati [odds ratio (OR) 0.72, 95% intervallo di confidenza (CI) 0.65-0.80] ed erano meno consapevoli di quanto dovesse essere il loro target pressorio (OR 0.80, 95% CI 0.72-0.90). La dislipidemia era negativamente associata con il controllo pressorio ed un’accurata conoscenza dei valori target. I pazienti con diabete mellito erano meno frequentemente controllati per quanto riguarda il controllo pressorio (OR 0.89, 95% CI 0.79-0.99). Un’adeguata conoscenza del target pressorio desiderabile era positivamente associata con un adeguato controllo pressorio (OR 1.12, 95% CI 1.00-1.24). I pazienti che avevano ricevuto consigli su come ridurre l’apporto di sale, ridurre il peso, aumentare l’attività fisica, erano più frequentemente controllati. Quindi il controllo pressorio e la conoscenza degli adeguati valori pressori sono risultati inappropriati nella popolazione europea ad alto rischio per eventi coronarici, in particolare i pazienti con CHD e obesità, diabete, e dislipidemia necessitano di una migliore gestione dei valori pressori.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA