CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Meglio seguirli con l'eco...

Fonte: ESC Congress 2011, Parigi.

Studio orange-tricolorre presentato Domenica 28 Agosto all'ESC 2011 a Parigi da Matteo Bertini dell'Università di Ferrara sull'impatto della risposta clinica ed ecocardiografica a medio-termine alla resincronizzazione cardiaca sulla sopravvivenza a lungo termine di pazienti affetti da scompenso cardiaco, terapia medica ottimizzata e portatori di device per resincronizzazione cardiaca (CRT). Sottolineiamo alcuni termini: risposta clinica ed ecocardiografica a medio-termine sulla sopravvivenza a lungo termine. Sono stati arruolati 663 pazienti (il 79% uomini) di età media di 65 anni e seguiti con un follow up medio di 3.5 anni. Di questi il 77% (510) ha mostrato una buona risposta clinica alla CRT mentre solo il 62% (412 pazienti) ha evidenziato una buona risposta ecocardiografica alla CRT. Tra tutte le variabili indipendenti di mortalità note, la risposta ecocardiografica positiva è stata quella a maggior impatto sulla prognosi (HR 0.31; IC 95% 0.22-0.43 all'analisi univariata e 0.36; 0.25-0.51 all'analisi multivariata. Per entrambe le analisi p<0.001). Un paziente portatore di CRT che non ha mostrato una risposta soddisfacente all'ecocardiogarmma ha mostrato avere un rischio di morte 3 volte superiore rispetto ai pazienti che hanno mostrato un reverese remodelling ventricolare sinistro nei 3 anni di follow up.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA