CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Sub-analisi dello studio EMPHASIS-HF: eplerenone efficace anche nei gruppi a maggior rischio

Fonte: ESC Congress 2011, Parigi.

Presentata oggi a Parigi all'ESC Congress durante la Hot Line Session dal Prof. Pitt (Michigan School of Medicine) questa sottoanalisi dello studio EMPHASIS-HF (Eplerenone in Mild Patients Hospitalization and Survival Study in Heart Failure), che ha dimostrato l'efficacia di eplerenone vs placebo sull'incidenza di mortalità e ospedalizzazione in 5 sottogruppi di pazienti considerati ad alto rischio ed affetti da scompenso cardiaco cronico sistolico in classe funzionale II NYHA ed in terapia ottimizzata. Si ricorda brevemente che lo studio EMPHASIS-HF ha arruolato 2.737 pazienti in classe II NYHA con funzione contrattile ventricolare sinistra <35% ed è stato interrotto prematuramente per un eccesso di beneficio di eplerenone vs placebo riguardo l'end point primario (composito di morte per cause cardiovascolari oppure ospedalizzazione per scompenso cardiaco) verificandosi nel 18.3% dei pazienti in trattamento con eplerenone vs il 25.9% dei pazienti in trattamento con placebo (hazard ratio, 0.63; intervallo di confidenza al 95% [CI], 0.54 - 0.74; p<0.001). I 5 sottogruppi considerati ad elevato rischio per questa analisi con i relativi risultati sono stati i seguenti:

Pazienti anziani (>75 anni di età): 23.6% nel gruppo eplerenone vs 32.7% nel placebo (HR: 0.66: p<0.004). Pazienti diabetici: 21.6% gruppo eplerenone vs 35.2% placebo (HR 0.54: p<0.0001 Pazienti con insufficienza renale cronica (eGFR<60 ml/min/1.73 mq): 24.4% gruppo eplerenone vs 34.5% placebo (HR: 0.54: p=0.0001) Pazienti con LVEF<30%: 19.3% gruppo eplerenone vs 27.3% placebo (HR: 0.65: p<0.0001) Pazienti con pressione sistolica <123 mmHg: 20.6% nel gruppo eplerenone vs 29.4% placebo (HR: 0.63: p<0.0001).

In tutti i gruppi si è osservata un significativo aumento della kaliemia (K>5.5 mmol/l) anche se non si sono mai verificate iperpotassemie allarmanti (>6 mmol/l). L'ospedalizzazione non si è mai verificata, infatti, per problemi legati alla safety del farmaco che è risultato essere ben tollerato e sicuro.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA