CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

L'attività fisica rallenta il decadimento cognitivo nelle donne ad alto rischio CV

Fonte: Arch Intern Med. 2011;171(14):1244-1250.

Gli individui con malattia vascolare o fattori di rischio delle stesse hanno tassi più elevati di declino cognitivo, ma poco si sa su come evitare il peggioramento della funzione cognitiva in questi soggetti. In questo studio, pubblicato sugli Archives, è stata esaminata la relazione tra attività fisica e declino cognitivo nei partecipanti al Women's Antioxidant Cardiovascular Study, uno studio di coorte composto da donne con malattia vascolare o con almeno 3 fattori di rischio coronarico. L’attività fisica ricreazionale è stata valutata al basale (da ottobre 1995 a giugno 1996) e successivamente ogni 2 anni. Tra dicembre 1998 e luglio 2000, un totale di 2.809 donne di 65 anni o più anziane sono state sottoposte a valutazione cognitiva (5 prove: cognizione globale, memoria verbale, fluidità) tramite intervista telefonica. I test sono stati somministrati altre 3 volte in ​​5,4 anni. È stata trovata una tendenza significativa tra la diminuzione dei tassi di declino cognitivo ed il dispendio energetico maggiore. Camminare regolarmente è stato fortemente legato ad un più lento tasso di declino cognitivo nelle donne anziane con malattia vascolare o fattori di rischio.

Scarica allegato in JPG - Download

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA