CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Terapie biologiche nella psoriasi a placche ed eventi cardiovascolari

Fonte: JAMA 2011; 306(8): 864-871.

Ustekinumab e briakinumab sono anticorpi monoclonali per la subunità p40, condivisa dall’interleuchina (IL)-12 e IL-23, che hanno dimostrato efficacia nel trattamento della psoriasi cronica a placche (CPP). Rapporti preliminari di eventi avversi cardiovascolari maggiori (MACE) nei pazienti affetti da psoriasi trattati con anti-IL-12/23 hanno suscitato notevoli preoccupazioni. Questa meta-analisi è stata condotta per valutare una possibile associazione tra terapie biologiche per la CPP ed i MACE. Sono stati valutati studi randomizzati, controllati, pubblicati entro maggio 2011 sugli anti IL-12/23 (ustekinumab e briakinumab) e anti-tumor necrosis factor α (TNF-α; adalimumab, etanercept ed infliximab). Sono stati, quindi, selezionati gli studi randomizzati, controllati con placebo e in doppio cieco e gli studi in monoterapia (con dati sulla sicurezza riguardo ai MACE). Un totale di 22 studi comprendendenti 10.183 pazienti soddisfacevano i criteri di inclusione predefiniti. L'end point primario erano i MACE: un end point composito di infarto miocardico, ictus o morte cardiovascolare durante la fase di trattamento vs placebo nei pazienti che hanno ricevuto almeno 1 dose di farmaco in studio o di placebo. Le differenze di rischio assoluto sono state usate come una misura di effetto. Durante le fasi in controllo con placebo di anti-IL-12/23, 10 dei 3.179 pazienti trattati con terapie anti-IL-12/23 hanno sviluppato un MACE rispetto a nessun evento nei 1.474 pazienti trattati con placebo. Negli studi con anti-TNF-α, solo 1 su 3.858 pazienti trattati con anti-TNF-α ha sperimentato un MACE rispetto a 1 di 1.812 pazienti trattati con placebo. In conclusione, rispetto al placebo, non vi era alcuna differenza significativa nel tasso di complicanze cardiache maggiori osservati nei pazienti trattati con anticorpi anti-IL-12/IL-23 o anti-TNF-α. Tuttavia questo studio potrebbe essere stato sottodimensionato per identificare una differenza significativa.

Scarica allegato in JPG - Download

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA