CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Omega-3 nella prevenzione delle recidive di fibrillazione atriale dopo cardioversione elettrica

Fonte: Circulation.2011; 124: 1100-1106.

Gli acidi grassi polinsaturi omega-3 (omega-3 PUFA) esercitano effetti antiaritmici e riducono gli eventi di morte cardiaca improvvisa. Tuttavia, il loro ruolo nella prevenzione della fibrillazione atriale rimane controverso. È stato verificato l’effetto di PUFA n-3 in aggiunta ad amiodarone ed un ACE-inibitore sul mantenimento del ritmo sinusale, dopo cardioversione, in pazienti con fibrillazione atriale persistente. Lo studio era randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, su pazienti con fibrillazione atriale persistente, con almeno 1 recidiva dopo cardioversione e trattati con amiodarone e un ACE-inibitore. I partecipanti sono stati assegnati a placebo o omega-3 PUFA 2 g/die e poi sottoposti a cardioversione elettrica 4 settimane più tardi. L'end point primario era la probabilità di mantenimento del ritmo sinusale ad 1 anno dopo la cardioversione. Di 254 pazienti esaminati, 199 sono risultati arruolabili e randomizzati. Ad un anno di follow up, la probabilità di mantenimento del ritmo sinusale è stata significativamente più alta nel braccio omega-3 PUFA rispetto al gruppo placebo (hazard ratio, 0,62 [95% intervallo di confidenza, 0,52-0,72] e 0,36 [ intervallo di confidenza 95%, 0,26-0,46], rispettivamente, p = 0,0001).

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA