CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Pari efficacia di nebivololo e carvedilolo in pazienti ipertesi con scompenso cardiaco cronico

Fonte: Journal of Cardiac Failure Volume 17, Issue 9, Pages 703-709, September 2011.

A lungo termine, nebivololo (Nb) e carvedilolo (Cd) sembrano avere pari efficacia nel trattamento di pazienti ipertesi con CHF (insufficienza cardiaca cronica). Queste sono le conclusioni a cui sono giunti Giuseppe Marazzi ed i suoi colleghi che si sono proposti di confrontare l’efficacia a lungo termine del Nb rispetto a quella del Cd in termini di miglioramento della FE (frazione di eiezione del ventricolo sinistro), della classe funzionale NYHA e della tolleranza allo sforzo, in pazienti ipertesi con CHF. Rispetto ai valori basali, al termine del periodo di trattamento la valutazione ecocardiografica ha mostrato un miglioramento della FE simile nei due gruppi (Cd da 36,1% al 40,9%, P <0.001; Nb da 34,1 % al 38,5%, P <0.001). La frequenza cardiaca e la classe funzionale NYHA è risultata significativamente ridotta in entrambi i gruppi, ed anche la tolleranza allo sforzo valutata mediante 6-minute walking test è migliorata in modo simile sia nel gruppo Cd che Nb (Cd da 420m a 490m,P <0.001; Nb da 421m a 487m, p <0.001).

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA