CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

BMI e aggregazione piastrinica.. Non apparente correlazione

Fonte: American Journal of Cardiology Volume 108, Issue 6, Pages 766-771, 15 September 2011.

In precedenti studi l'obesità è stata associata ad una certa resistenza delle piastrine all'antiaggregazione. Questo può avere notevoli ripercussioni in particolare dopo interventi di angioplastica coronarica e impianto di stent coronarici. Questo studio ha testato mediante vari test aggregometrici tra cui il VerifyNow P2Y12 e un test di aggregometria a trasmissione di luce,  il grado di aggregometria di 251 pazienti obesi con BMI di media 30.3 ± 5.9 kg/m2 di cui il 44% del campione aveva un BMI superiore. Complessivamente si è osservata una scarsa correlazione tra scarsa efficacia della terapia antipiastrinica e BMI, dimostrando una sostanziale normale efficacia della terapia antiaggregante anche nei pazienti obesi, in controtendenza quindi verso precedenti studi dove si era dimostrata una certa "resistenza" agli antiaggreganti in tale popolazione.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA