CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Malattia del TC: meglio PCI o CABG?

Fonte: J Am Coll Cardiol, 2011; 58:1426-1432.

La PCI (intervento coronarico percutaneo) in pazienti con malattia del TC (tronco comune) non mostra significative differenze ad un anno rispetto al BAC (By-pass aorto coronarico) in termini di incidenza di MACCE (eventi cardiologici o cerebrovascolari avversi maggiori), morte ed IM (infarto miocardico). Queste sono le conclusioni a cui sono giunti Davide Capodanno (Ospedale Ferrarotto e Fondazione ETNA di Catania) ed i suoi colleghi che, in questa metanalisi che ha incluso 1.611 pazienti da 4 trials clinici randomizzati, si sono proposti di confrontare la sicurezza e l’efficacia della PCI rispetto al BAC in pazienti con malattia del TC. Dai dati ottenuti, la PCI, rispetto al BAC, era associata ad una maggiore, ma non singnificativa, incidenza di MACCE (14.5% vs. 11.8%; p=0,11), ad un’aumentata necessità di RVT (rivasclorarizzazione del vaso target) (11.4% vs. 5.4%; p< 0.001) e ad una minore incidenza di stroke (0.1% vs. 1.7%; p=0.013). Invece, non c’erano differenze significative in termini di morte (3.0% vs. 4.1%; p=0.29) o IM (2.8% vs. 2.9%; p=0.95). In conclusione, i pazienti con malattia del TC trattati con PCI non presentavano alcuna differenza significativa ad un anno di follow-up rispetto a quelli trattati con BAC in termini di incidenza di MACCE, IM e morte, mentre mostravano una minor incidenza di stroke ed un più alto rischio di RVT.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA