CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Post-IMA: la riabilitazione cardiologica basata su esercizio fisico riduce re-IMA e mortalità

Fonte: American Heart Journal Volume 162, Issue 4 , Pages 571-584.e2, October 2011.

La riabilitazione cardiaca basata su esercizio fisico (CR) rimane un tool poco utilizzato per la prevenzione secondaria post-IMA. In parte, questo scetticismo è legato ad incertezze, ancora presenti, sulla reale efficacia della CR in particolare per quanto riguarda il re-IMA. Questo studio è una meta-analisi di trial randomizzati controllati che hanno misurato gli effetti della CR sugli outcome cardiovascolari e studi che hanno stimato i benefici del CR. Sono stati identificati 34 Randomized Control Trials (RCTs) per un totale di 6.111 pazienti; In pratica, i soggetti che hanno svolto RC hanno mostrato un più basso rischio di re-IMA (OR 0.53, 95% CI 0.38-0.76), mortalità cardiovascolare (OR 0.64, 95% CI 0.46-0.88) e mortalità per tutte le cause (OR 0.74, 95% CI 0.58-0.95). Gli effetti del trattamento si sono dimostrati consistenti lungo tutto il periodo di studio, per durata della CR e in base al tempo prima dell’intervento di recupero. Inoltre, gli effetti dell’esercizio hanno influenzato positivamente tutti i fattori di rischio, inclusi il fumo, la pressione arteriosa, il peso ponderale ed il profilo lipidico. In conclusione, la riabilitazione cardiologica basata sul’esercizio fisico è associata a riduzione della mortalità e del re-infarto post-IMA con beneficio evidente su outcomes di lungo termine. L’ideale sarebbe avere una conferma proveniente da trial randomizzati controllati.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA