CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Impatto dei sanguinamenti precoci intra-ospedalieri sulla prognosi a lungo termine di soggetti sottoposti a PCI

Fonte: J Am Coll Cardiol, 2011; 58:1750-1756.

Quale è l'impatto dei sanguinamenti maggiori intraospedalieri (IHMB) sull'outcome a lungo termine di pazienti sottoposti a PCI primaria in corso di STEMI? A questa domanda ha provato a rispondere questo sottostudio dell' HORIZONS-AMI (Harmonizing Outcomes With Revascularization and Stents in Acute Myocardial Infarction) in cui 3.345 pazienti sono stati sottoposti a PCI primaria. Nel 6.9% dei pazienti si è verificato un sanguinamento maggiore intra-ospedaliero (231 pazienti). A tre anni di follow up questi pazienti hanno avuto una mortalità superiore (24.6% vs. 5.4%, p<0.0001) e più eventi cardiovascolari (40.3% vs. 20.5%, p<0.0001) rispetto a coloro che non hanno avuto tali sanguinamenti. Inoltre, gli effetti deleteri del sanguinamento sono stati già evidenziabili dopo il primo mese di follow up. L'avvento di un IHMB si è dimostrato un predittore indipendente di mortalità con un hazard ratio di 2.80 (IC 95% 1.89 - 4.16, p<0.0001).

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA