CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Inibitori della vitamina K e calcio coronarico

Fonte: Eur Heart J (2011) 32 (20): 2555-2562.

Gli antagonisti della vitamina K (AVK) sono attualmente i farmaci più utilizzati per prevenire l'ictus ischemico nei pazienti con fibrillazione atriale (FA). Tuttavia, l'uso di VKA è stato associato con un aumento della calcificazione vascolare. Questo studio si è proposto di indagare l’utilizzo di VKA e la associazione alle calcificazioni dell'arteria coronarica nei pazienti a basso rischio di fibrillazione atriale. In 157 pazienti con fibrillazione atriale senza significativa malattia cardiovascolare (108 maschi, età media 57 ± 9 anni) è stata eseguita una scansione prospettica del calcio coronarico. Un totale di 71 (45%) pazienti erano trattati cronicamente con VKA. La durata del trattamento con VKA variava tra i 6 ei 143 mesi (media 46 mesi). Non sono state rilevate differenze significative nelle caratteristiche cliniche tra i pazienti in trattamento o non in trattamento con VKA. Tuttavia, gli score di calcio coronarico differiva significativamente tra i due gruppi di pazienti, infatti il calcio coronario aumentava all’aumentare della durata di trattamento con VKA. Un’analisi di regressione logistica multivariata ha rivelato che l'età e il trattamento con VKA erano significativamente correlati a una maggiore punteggio di calcio coronarico.

Scarica allegato in PNG - Download

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA