CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Antagonismo dei recettori per mineralcorticoidi: potenziale terapeutico nelle sindromi da insufficienza cardiaca acuta

Fonte: European Heart Journal Volume 32, Issue 21Pp. 2626-2633.

Le sindromi da insufficienza cardiaca acuta (AHFS) sono un gruppo eterogeneo di sindromi cliniche, diffuse e difficili da gestire poiché associate ad alta morbilità e mortalità. Dispnea, congestione polmonare diffusa spesso caratterizzano AHFS a causa della elevata pressione di riempimento intracardiaca e del sovraccarico di volume. La diuresi, il supporto respiratorio, la terapia con vasodilatatori, e l'attenuazione graduale dell'attivazione del sistema renina-angiotensina-aldosterone (RAAS) ed il sistema nervoso simpatico (SNS) sono le chiavi di volta della gestione di AHFS. Nonostante le terapie disponibili, la mortalità post-dimissione ed i tassi di ri-ospedalizzazione restano inaccettabilmente alti nel AHFS. La disfunzione cardiorenale neuroumorale-mediata e la congestione possono contribuire a questi elevati tassi di evento. Antagonisti dei recettori dei mineralcorticoidi (MRA) servono ad un duplice ruolo terapeutico, migliorando la diuresi e attenuando gli effetti patologici del RAAS e l'attivazione SNS. Anche se questi agenti sono indicati nei pazienti affetti da insufficienza cardiaca cronica grave, con frazione di eiezione ridotta (HF / REF) e nei pazienti con scompenso cardiaco / REF post-infarto miocardico (MI), essi non sono stati sistematicamente studiati nei pazienti con AHFS.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA