CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Studio JATOS: la sindrome metabolica oltre i 75 anni non fa più paura...

Fonte: Am J Hypertens 2011; 24(11): 1250-1256.

Gli autori dello studio JATOS (Association of Blood Pressure Control and Metabolic Syndrome With Cardiovascular Risk in Elderly Japanese) hanno ipotizzato che l’impatto della sindrome metabolica sugli eventi cardiovascolari possa essere diverso tra i pazienti con e senza un adeguato controllo pressorio e tra i soggetti con meno e più di 75 anni. Soggetti ipertesi di 65-85 anni sono stati randomizzati ad un target pressorio stretto (target sistolico BP <140 mmHg) o moderato (140-159 mmHg) e sono stati trattati per 2 anni con un regime a base di efonidipina. La sindrome metabolica è stata definita in accordo ai criteri del National Cholesterol Education Program Adult Treatment Panel III, eccetto che per l’uso dell’indice di massa corporea (BMI) ≥25 kg/m2 al posto della circonferenza vita. L’obiettivo primario è stato valutare l’incidenza combinata di eventi cardiovascolari e renali. I dati sono stati ottenuti da 2.865 pazienti. La prevalenza di sindrome metabolica è stata 31.4%. L’incidenza degli eventi cardiovascolari e renali nei pazienti con e senza sindrome metabolica è stata 4.0% e 3.1%, rispettivamente. La sindrome metabolica è risultata un significativo fattore di rischio per eventi cardiovascolari nei pazienti al di sotto dei 75 anni (hazard ratio (HR) 2.17, P=0.01), ma non in quelli ≥75 anni (HR 0.98, P=0.94). Nei pazienti con sindrome metabolica, il tasso di eventi è stato significativamente più basso nei pazienti con un target pressorio più ambizioso rispetto a quelli in cui si era puntato ad un target pressorio più modesto nei soggetti al di sotto dei 75 anni (P=0.0006), ma non in quelli ≥75 anni (P=0.82). La sindrome metabolica, quindi, è associata ad un maggiore rischio cardiovascolare nei soggetti ipertesi al disotto dei 75 anni, e uno stretto controllo pressorio porta beneficio in questi soggetti, mentre sindrome metabolica e stretto controllo pressorio non sembrano avere un’influenza sopra i 75 anni di età.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA