CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

EASE trial: la chirurgia post diagnosi di infezione cardiaca elimina l'incidenza di stroke e recidiva

Fonte: American Heart Association Scientific Session 2012, Orlando.

La chirurgia subito dopo la diagnosi di infezione cardiaca elimina l’incidenza di stroke e di recidiva di EI (endocardite infettiva). Queste sono le conclusioni del trial EASE (Randomized Trial of Early Surgery versus Conventional Treatment for Infective Endocarditis). Il dott Duk-Hyun Kang (University of Seoul, Korea) e colleghi si sono proposti di confrontare l’efficacia del trattamento chirurgico precoce (cioè terapia antibiotica associata ad intervento chirurgico entro 48 ore dalla diagnosi) rispetto al trattamento standard (antibiotici ed intervento chirurgico solo nei casi severi), in pazienti con EI. Da Settembre 2006 a Settembre 2011, sono stati inclusi nello studio 76 pazienti, provenienti da 2 diversi centri di Seoul. 37 randomizzati a CP (chirurgia precoce) e 39 a TS (trattamento standard). Tutti i pazienti sono stati valutati in termini di morte intraospedaliera e eventi embolici entro 6 settimane dalla randomizzazione. Dei pazienti nel gruppo TS il 77% è stato sottoposto ad intervento urgente o elettivo in media entro 15 giorni dalla diagnosi. Dai dati presentati è emerso che:
- i pazienti CP non presentavano ostruzione vascolare mentre 5 stroke e 3 occlusioni arteriose si erano verificate nel gruppo TS
- non era stata evidenziata alcuna differenza in termini di incidenza di morte intraospedaliera, pari al 3% nei 2 gruppi
- a sei mesi dal trattamento nessuno dei pazienti del gruppo CP ha presentato stroke o recidiva di EI, verificatesi invece nel 23% dei soggetti del gruppo TS (8 eventi embolici: 5 cerebrali, 1 recidiva di EI e 2 morti)
- l’incidenza di morte era simile nei 2 gruppi: 3% nel gruppo CP vs 5% TS. “Noi abbiamo dimostrato che il CP, cioè entro 48 ore dalla diagnosi, è fattibile e” conclude Duk-Hyun Kang “può essere considerata una valida opzione per migliorare ulteriormente gli outcomes clinici nel trattamento dell’EI”

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA