CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Il defibrillatore impiantabile può alterare in modo significativo le prestazioni sessuali

Fonte: American Heart Association Scientific Session 2011, Orlando.

Adulti con cardiopatie congenite e defibrillatore impiantabile (ICD) hanno spesso un alto livello di paura e ansia di ricevere uno shock da parte del device durante l’attività sessuale e questo è causa di problemi di disfunzione sessuali. Queste sono le conclusioni di Cook e colleghi che si sono proposti di verificare se la “presenza” di iCD potesse alterare in modo significativo la prestazioni sessuali sia in uomini che in donne portatori di device rispetto a soggetti di controllo. Nello studio sono statio inclusi 151 partecipanti, 41 con ICD, età media 37anni per quelli con un ICD e 32 per quelli senza. Nella survey è stata valutata mediante un questionario la funzione sessuale dei partecipanti, il livello di depressione e, per quelli con ICD, il loro livello di paura e di ansia di ricevere uno shock da parte dell’ICD. Nel sondaggio maschile le domande erano inerenti a: fiducia, soddisfazione e la capacità di mantenere l'erezione durante l’atto sessuale; mentre quello femminile comprendeva interesse, eccitazione, soddisfazione e dolore. Complessivamente, gli uomini con ICD hanno ottenuto dallo score un punteggio medio di 19, che rappresenta una lieve disfunzione erettile, mentre gli score degli uomini senza ICD hanno ottenuto un punteggio di una normale funzione sessuale. Donne con e senza ICD avevano punteggi simili relativi alla funzione sessuale (65 e 67 rispettivamente). Tuttavia, uomini e donne con ICD che avevano un alto livello di paura di ricevere shock durante l’atto sessuale avevano presentato punteggi più bassi relativi alla funzione sessuale, mentre quelli che soffrivano di depressione, sia aventi o meno un ICD, presentavano dei valori normali. “I risultati di questo studio suggeriscono che i medici dovrebbero parlare con i pazienti in merito a queste problematiche per aiutarli e indirizzarli nel percorso diagnostico terapeutico al fine di ricevere l'assistenza appropriata quando indicato “ha dichiarato Stephen C. Cook, ed ha aggiunto "La comunicazione tra operatori sanitari e pazienti è essenziale ed i pazienti necessitano di consulenza, sia prima che dopo il posizionamento del dispositivo, soprattutto se continuano a segnalare un alto livello di sensibilità nervosa."

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA