CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

I nuovi criteri per la diagnosi di diabete gestazionale....aumentano il numero di diagnosi

Fonte: Congresso Mondiale di Diabetologia - Dubai 4-8 dicembre 2011.

Sono stati recentemente introdotti nuovi criteri per la diagnosi di diabete gestazionale (GDM) proposti dall’IADPSG (International Association of Diabetes and Pregnancy Study Groups). Con questi nuovi criteri per la diagnosi di GDM, le donne affette da GDM risultano più giovani e multipare rispetto a quelle diagnosticate con i vecchi criteri. Questi dati sono emersi da uno studio retrospettivo su 6.727 screening per GDM condotto dal 2005 al 2010 e presentato durante il Congresso Mondiale di Diabetologia tenutosi a Dubai dal 4 all’8 dicembre 2011. L’età media delle pazienti è stata 31 anni e l’indice di massa corporea 23.7 kg/m²; il 31% della coorte era sovrappeso e l’8% obeso. I ricercatori hanno osservato che con i vecchi criteri, 222 donne venivano diagnosticate avere GDM (3.3%), con i nuovi criteri, invece, 382 avrebbero avuto GDM, il (5.7%), con un aumento della prevalenza del 72%. Con i vecchi criteri IADPSG, la soglia di glicemia a digiuno e dopo due ore dal carico per porre diagnosi era più alta, ma la differenza principale sta nel fatto che ora un valore anomalo è sufficiente per porre diagnosi, mentre, con i vecchi criteri, erano necessari almeno due valori anomali per porre diagnosi di GDM. Delle 382 donne diagnosticate avere GDM con i nuovi criteri, 160 sarebbero state classificate come normoglicemiche con i vecchi criteri. Le caratteristiche delle donne diagnosticate con i vecchi e nuovi criteri risultano significativamente differenti per quanto riguarda l’età (31.6 vs 33.3 anni), la razza nera o essere una minoranza (19.7% vs 17.4%). Allo stesso modo le donne diagnosticate con i nuovi criteri sono più multipare di quelle diagnosticate con i vecchi criteri (25.5% vs 20.6%). Questi tassi sono risultati più alti di quelli nelle donne che sono risultate normoglicemiche con entrambi i criteri (16.3%, p=0.003). In quest’ultima categoria la prevalenza di parto cesareo è stata del 23%, significativamente più bassa (p=0.001) rispetto alle donne con GDM diagnosticato con i vecchi (32.4%) o nuovi criteri (30.5%). Inoltre, l’incidenza di feti più grandi rispetto alla loro età gestazionale è risultata leggermente più alta nelle donne diagnosticate per GDM con i vecchi criteri rispetto a quelle diagnosticate con i nuovi criteri (13.8% vs 10.8%); sebbene questa differenza non sia statisticamente significativa, entrambi i tassi differiscono da quelli delle donne normoglicemiche (1.4%; p=0.007).

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA