CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Una review sui trattamenti ipertensivi farmacologici e non

Fonte: European Heart Journal (2011) 32, 2739-2747.

Le terapie convenzionali antipertensive, compresi gli antagonisti del sistema renina-angiotensina-aldosterone (ACE-inibitori, sartani, inibitori della renina, antagonisti dei recettori dei mineralcorticoidi), diuretici, β-bloccanti e calcio-antagonisti hanno un successo variabile nel raggiungimento degli obiettivi - ossia di adeguati livelli di pressione arteriosa - nei pazienti ipertesi. L'ipertensione non controllata è un problema comunemente osservato in tutto il mondo. Vi sono numerosi farmaci che potrebbero essere considerati come nuove terapie in tema di ipertensione resistente: la supplementazione di renalasi, gli inibitori della vaso peptidasi, gli antagonisti dell'endotelina e, in particolar modo, gli antagonisti dell'aldosterone (inibitori dell'aldosterone sintasi e nuovi bloccanti selettivi dei recettori dei mineralcorticoidi). Inoltre, gli antagonisti dell'aldosterone così come i bloccanti dei recettori della (pro)renina o gli agonisti del recettore AT2 potrebbero attenuare il danno d'organo. Questa serie di terapie farmacologiche è stata, inoltre, accompagnata e completata da una serie di nuovi approcci con strategie non farmacologiche tra cui la vaccinazione, le interferenze genomiche, la respirazione controllata, l'attivazione del baroriflesso e con le tecniche di denervazione renale. Tuttavia, i progressi in materia di terapie innovative sembrano essere lenti e il problema dell'ipertensione resistente e del corretto controllo della pressione arteriosa persistono. Pertanto, sono stati messi a punto fini regolazioni dei farmaci attualmente disponibili con la conseguente creazione di diverse nuove combinazioni a dose fissa con l'obiettivo di facilitare il corretto controllo della pressione arteriosa. Resta, tuttavia, una domanda interessante: quale approccio conferisce il miglior controllo della pressione arteriosa e la maggior riduzione del rischio in questa patologia così problematica? a voi la risposta e una buona lettura..

Scarica allegato in JPG - Download

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA