CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Fibrillazione atriale post-TAVI...frequente, in particolare dopo approccio trans-apicale

Fonte: JACC 2011; Dec. 14 [Epub ahead of print].

Qual è il significato clinico dell'insorgenza di fibrillazione atriale (FA) dopo l'impianto di una valvola aortica transcatetere (TAVI)? Sono stati arruolati, per cercare di rispondere a questo quesito 138 pazienti (età media 79 anni) senza storia di fibrillazione atriale e sottoposti a TAVI (transapicale nel 72,5%, transfemorale a 27,5%). La durata mediana del follow-up è stata di 12 mesi. Come ormai di consuetudine, il tasso di successo procedurale è stato del 93,5% e ad un mese il tasso di mortalità è stato del 7,3%. La FA si è verificata nel 32% dei pazienti entro 30 giorni dalla TAVI. Il 64% degli episodi di fibrillazione atriale si sono verificati durante o entro 48 ore dalla procedura. Gli unici due fattori predittivi indipendenti di fibrillazione atriale sono stati la dimensione atriale sinistra e l'uso di un approccio transapicale. Ad 1 mese il tasso di ictus è stata dell' 11,4% nel gruppo fibrillazione atriale e del 3,2% nei pazienti senza fibrillazione atriale. Il tasso globale di ictus o di embolia sistemica è risultata significativamente più alta nel gruppo fibrillazione atriale rispetto al gruppo non-FA (15,9% vs 3,2%). Il tasso di mortalità durante il follow-up è stato di circa il 20% e non è differito significativamente tra i pazienti con e senza fibrillazione atriale di nuova insorgenza. Gli autori hanno concluso che la fibrillazione atriale di nuova insorgenza si verifica in circa un terzo dei pazienti sottoposti a TAVI e ciò è associato ad un aumentato rischio di ictus e di embolia sistemica. I meccanismi principali di fibrillazione atriale dopo TAVI sono probabilmente rappresentati da una importante attivazione adrenergica e da un danno miocardico associato a infiammazione tissutale e sistemica, in particolare con l'approccio transapicale. L'elevato rischio di ictus e di embolia sistemica durante il follow-up suggeriscono che i pazienti con fibrillazione atriale di nuova insorgenza dopo TAVI dovrebbero essere sottoposti ad idonea terapia anticoagulante per almeno diversi mesi.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA