CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Studio ALTITUDE: interrotto per un maggior numero di complicanze nei soggetti ad alto rischio

Fonte: www.novartis.it.

Novartis ha annunciato l’interruzione dello studio ALTITUDE condotto su pazienti con diabete di tipo 2 e insufficienza renale che fossero ad alto rischio di eventi cardiovascolari e renali. Il comitato di supervisione ha rilevato una maggiore incidenza di eventi avversi in questa popolazione di pazienti quando aliskiren è stato somministrato in aggiunta a un ACE-inibitore o a un sartano. È attualmente in corso la verifica dei risultati dello studio ALTITUDE e delle potenziali implicazioni legate ad aliskiren. Il Data Monitoring Committee (DMC) ha concluso che i pazienti non sembravano beneficiare del trattamento aggiunto alla terapia standard a base di antipertensivi e ha rilevato una maggiore incidenza di eventi avversi nei pazienti che nel trial hanno ricevuto aliskiren in aggiunta alla cura standard; nello specifico c’è stata una maggiore incidenza, dopo 18-24 mesi, di ictus non fatale, complicazioni renali, iperpotassiemia e ipotensione per la popolazione di pazienti ad alto rischio al centro dello studio. Novartis sta raccomandando a tutti gli sperimentatori di ALTITUDE di sospendere aliskiren dal trattamento dei loro pazienti e valutare i farmaci che assumono per l’ipertensione arteriosa. Prima di creare inutili allarmismi, però, bisogna ricordare che i pazienti dello studio ALTITUDE sono una categoria di pazienti già a rischio molto elevato al basale, solo un'attenta analisi dei dati fin'ora ottenuti portrà dare indicazioni più precise.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA