CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Il budiodarone ai dosaggi più elevati riduce significativamente la Tachicardia Atriale e la FA parossistica

Fonte: Journal of Interventional Cardiac Electrophysiology  DOI: 10.1007/s10840-011-9636-3.

In questo studio preliminare Michael D. Ezekowitz e colleghi hanno concluso che il budiodarone a entrambi i dosaggi più elevati (400 e 600 mg 2 volte/die) riduce significativamente la TA (tachicardia atriale) e la FAP (fibrillazione atriale parossistica). Il Budiodarone è un analogo chimico dell’amiodarone che condivide con questo le sue proprietà elettrofisiologiche, ma a differenza del suo predecessore ha una breve emivita. Alla luce di questi dati i ricercatori di questo studio hanno voluto valutare la sicurezza preliminare e l'efficacia di tre dosi di budiodarone nei pazienti con fibrillazione atriale parossistica ed a tale scopo hanno arruolato pazienti con fibrillazione atriale parossistica aventi anche un PM (pacemaker), precedentemente impiantato, in grado di memorizzare gli elettrogrammi per almeno 4 settimane. Prima dell’arruolamento tutti i farmaci antiaritmici son stati sospesi per almeno 5 emivite e l’amiodarone per 3 mesi. All’arruolamento i pazienti dovevano seguire un periodo di wash-out da farmaci di 4 settimane dopo di che venivano randomizzati in cieco a placebo, 200 mg, 400 mg, o 600 mg 2 volte /die di budiodarone per 12 settimane, seguito da un ulteriore periodo di 4 settimane di washout farmacologico. Il controllo degli elettrogrammi del PM venivano effettuati ogni 4 settimane. L’ end point primario dello studio era la percentuale di cambiamento di AT/AFB dopo le 12 settimane di terapia rispetto al placebo. Dai risultati dello studio dei 61 pazienti che hanno completato il protocollo è emerso che la riduzione mediana di AT/AFB per i gruppi 400 e 600 mg 2 volte /die rispetto al placebo è stata del 54% e del 74% (p=0,01 e p=0,001 rispettivamente). La dose-risposta del budiodarone è stata statisticamente significativa (p<0,001) e sia il numero che la durata degli episodi di AT/AF sono stati ridotti.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA