CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Livelli di 25-idrossi vitamina D inversamente associati a mortalità per tutte le cause e per cause CV negli ipertesi americani

Fonte: Journal of Hypertension: February 2012 - Volume 30 - Issue 2 - p 284-289.

Le concentrazioni di 25 (OH) D (25-idrossi-vitamina D) sono inversamente associati con la mortalità per tutte le cause (ACD) e la morte per malattie cardiovascolari (CVD) tra gli adulti con ipertensione arteriosa negli Stati Uniti. Queste sono le conclusioni di Zhao G e colleghi che hanno analizzato i dati di mortalità ottenuti fino al 2006, relativi al periodo dal 2001 al 2004, utilizzando modelli di Cox di rischio proporzionale. Dei 2.609 partecipanti con ipertensione, si sono verificate 191 morti (di cui 68 per CVD) durante un follow-up medio di 3,7 anni. Inoltre, dai dati ottenuti dall’analisi è emerso che rispetto ai partecipanti con concentrazioni di 25 (OH) D concentrazioni nel più alto quartile (≥ 29 ng/ml), gli hazard ratios per ACD sono stati 1.93 (IC 95% 1,06-3,49), 1,32 (IC 95% 0,85-2,04) , e 1,36 (IC 95% 0,84-2,22) (p per trend <0,05), e gli hazard ratios per CVD sono stati 3.21 (IC 95% 1,14-8,99), 2,42 (IC 95% 0,85-6,90), e 2.33 (IC 95% 0,88-6,12) (p per trend <0,05), rispettivamente nel primo (<17 ng/ml), secondo (17 - <23 ng/ml) e terzo (23 - <29 ng/ml) quartile di 25 (OH) D, dopo aggiustamento per potenziali variabili confondenti. Inoltre, le concentrazioni di 25 (OH) D considerata come una variabile continua e lineare sono state inversamente associate al rischio di mortalità per tutte le cause (p=0,012) e dalla CVD (P=0,010).

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA