CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Un buon motivo per fare la sauna...nella insufficienza cardiaca cronica!!

Fonte: Am J Cardiol. 2012 Jan 1;109(1):100-4.

La Waon Therapy in pazienti con insufficienza cardiaca cronica migliora la tolleranza all'esercizio in associazione con miglioramento della funzione endoteliale. Queste sono le conclusioni a cui sono giunti Takashi Ohori e colleghi, che in considerazione del fatto che ripetute sedute di sauna, nota come Waon terapia, ha dimostrato di migliorare la funzione cardiaca e la tolleranza all'esercizio nei pazienti con insufficienza cardiaca cronica, hanno voluto indagarne i meccanismi che ne sono alla base. A tal proposito sono stati seguiti 41 pazienti con insufficienza cardiaca cronica (età media 68,3 ± 13,5 anni) sottoposti a Waon terapia 5 volte alla settimana per 3 settimane. Prima e dopo il trattamento, in tutti i soggetti venivano valutati il “6-minute walking test” e l'ecocardiografia, venivano determinati i fattori neuroumorali e il numero di cellule CD34 (+) circolanti e veniva testata la funzione endoteliale mediante valutazione della dilatazione flusso-mediata (FMD). Dai dati dello studio è emerso che la Waon terapia ha aumentato la frazione di eiezione ventricolare sinistra (dal 30,4 ± 12,6% al 32,5% ± 12,8%, p=0,023), ha ridotto i livelli plasmatici di noradrenalina (da 400 ± 258-300 ± 187 pg/ml, p=0,015) e di peptide natriuretico cerebrale (da 550 ± 510-416 ± 431 pg/ml, p=0,035), ha aumentato la distanza percorsa al “6-minute walking test” (da 337 ± 120-379 ± 126 m, p<0,001) in associazione con un miglioramento dellaFMD (da 3,5 ± 2,3% al 5,5% ± 2,7%, p<0,001) e con un aumento del numero di cellule CD34 (+) circolanti (p=0,025). I cambiamenti ottenuti al “6-minute walking test” sono stati correlati positivamente con quelli della frazione di eiezione ventricolare sinistra e della FMD e negativamente con quelli dei livelli plasmatici di noradrenalina e dei livelli di peptide natriuretico cerebrale. Infine,da un’analisi multivariata è emerso che un aumento della FMD è stata l'unico determinante indipendente di miglioramento al “6-minute walking test”.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA