CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Livelli sierici di aldosterone nella malattia coronarica correlati a mortalità ed eventi ischemici acuti

Fonte: European Heart Journal Volume 33, Issue 2 Pp. 191-202.

Recenti studi hanno dimostrato che i livelli di aldosterone, misurati in pazienti con insufficienza cardiaca o infarto miocardico acuto (MI), sono associati a mortalità nel lungo periodo, ma l'associazione con livelli di aldosterone nei pazienti con malattia coronarica (CAD) al di fuori di questi setting specifici rimane sconosciuta. Inoltre, non risulta chiaro il meccanismo alla base di queste osservazioni. In 799 pazienti con CAD sottoposti a angioplastica coronarica elettiva sono stati ottenuti dosaggi prima della procedura per: aldosterone (mediana = 25 pg/mL), peptide natriuretico cerebrale (BNP) (mediana = 35 pg/mL), proteina C-reattiva HS (mediana = 4.17 mg/L) del ventricolo e frazione di eiezione (media = 58%). I pazienti con infarto miocardico acuto o sindrome coronarica (ACS), che hanno richiesto rivascolarizzazione urgente non sono stati inclusi nello studio. L'end point primario, morte cardiovascolare, si è verificato in 41 pazienti durante un follow-up di 14,9 mesi. Gli end point secondari erano mortalità totale, eventi ischemici acuti (infarto miocardico acuto o ictus ischemico) e il composito di morte e di eventi acuti ischemici sono stati osservati in 52, 54 e 94 pazienti rispettivamente. I livelli plasmatici di aldosterone sono risultati correlati al BMI, ipertensione e classe NYHA, e inversamente proporzionale all'età, clearance della creatinina e l'uso di beta bloccanti. Il modello di analisi multivariata di Cox ha dimostrato che l'aldosterone era indipendentemente associato a mortalità cardiovascolare (p=0,001), mortalità totale (p=0,001), eventi acuti ischemici (P=0,01) ed al composito di morte e di eventi acuti ischemici (P=0,004). L'analisi di riclassificazione, utilizzando un miglioramento integrato di discriminazione (IDI) e il miglioramento riclassificazione (NRI), il livello di aldosterone è fortemente e indipendentemente associato con la mortalità e la comparsa di eventi acuti ischemici (p <0,0001). I risultati di questo studio dimostrano che in pazienti con CAD ma senza scompenso cardiaco o infarto miocardico acuto, i livelli di aldosterone sono fortemente e indipendentemente associati con mortalità ed eventi ischemici acuti

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA