CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

INTERHEART: l’attività fisica fa sempre bene? si ma attenzione ai lavori pesanti!....e a possedere auto e TV!!

Fonte: Eur Heart J. 2012 Jan 11. [Epub ahead of print].

Sembra che l’esercizio fisico, a qualunque livello, riduca il rischio di IM (infarto miocardico) e che anche una lieve o moderata attività fisica durante il lavoro produca lo stesso effetto, ma attenzione alle attività lavorative pesanti, in questo caso si perde tale beneficio protettivo! Il dott Held C ed i suoi colleghi hanno, infatti, impiegato i dati dello studio INTERHEART al fine di valutare l'associazione tra la PA (l’attività fisica) al lavoro e nel tempo libero, il possedimento di beni che promuovono comportamenti sedentari e il rischio di IM in popolazioni del mondo, differenti per livello socio-economico. Nel’INTERHEART, uno studio caso-controllo, 10.043 soggetti con primo IM e 14.217 controlli, che non hanno presentato in precedenza angina o disabilità fisica, hanno completato un questionario relativo alla PA sul lavoro e nel tempo libero. Dai risultati ottenuti è emerso che i soggetti che svolgevano un’attività lavorativa che implicava una PA bassa [odds ratio (OR): 0.78, Intervallo di confidenza (CI), 0,71-0,86] o moderata (OR: 0,89, IC: 0,80-0,99) presentavano un minor rischio di IM rispetto a chi svolgeva un’attività lavorativa sedentaria, mentre quelli che svolgevano un’attività lavorativa fisicamente pesante non presentavano tale riduzione di rischio. Invece, lo svolgimento di esercizio fisico lieve (OR 0,87, CI 0,81-0,93), così come quello moderato o intenso (OR 0,76, IC 0,69-0,82) si è dimostrato di protezione. L’effetto prodotto dalla PA è stato osservato sia in paesi a basso, che medio ed alto reddito ed a prescindere dal reddito, dai dati ottenuti è emerso che i soggetti che possedevano sia una macchina che una televisione (TV) (OR: 1,27, CI 1,05-1,54) erano a più alto rischio di IM rispetto a coloro che non possedevano nessuna delle due. Si può quindi concludere che una PA nel tempo libero a qualunque grado di intensità ed una PA professionale da lieve a moderata, ma non pesante, è associata ad un ridotto rischio di IM, mentre il possedere una macchina e una TV sembra associato ad un aumentato rischio di IM in tutte le popolazioni, a prescindere dal livello socioeconomico.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA