CardioLink Scientific News - Giornale telematico di informazione medico scientifica

Cause di riammissione a 30 giorni dopo rivascolarizzazione con PCI

Fonte: Arch Intern Med. 2012; 172(2): 112-117.

I tassi di riammissione a 30 giorni dopo PCI sono diventati una misura di qualità di prestazione per insufficienza cardiaca congestizia, infarto miocardico acuto e intervento coronarico percutaneo (PCI). Tuttavia, si sa poco per quanto riguarda i fattori associati alla riammissione dopo PCI a 30 giorni. I criteri di valutazione sono stati i fattori demografici, clinici e procedurali connessi con 30 giorni, i tassi di riammissione dopo PCI; sono stati identificati 15.498 ricoveri (PCI elettiva o per sindromi coronariche acute) dal gennaio 1998 a giugno 2008 al Saint Marys Hospital, Rochester, Minnesota e tutti i pazienti sono stati inclusi in questa analisi. Modelli di regressione logistica multivariata sono stati utilizzati per stimare l'associazione corretta tra le variabili demografiche, cliniche e procedurali ed a 30 giorni di riammissione. L'associazione tra i 30 giorni di riammissione e la mortalità ad 1 anno è stata stimata utilizzando modelli proporzionali di Cox alla riammissione come covariabile dipendente dal tempo. Le principali misure di esito erano le cause di riammissione a 30 giorni in qualsiasi ospedale in seguito a PCI e mortalità ad 1 anno. Complessivamente, il 9,4% di pazienti sottoposti a PCI (n=1.459) sono stati riammessi e lo 0.68% di PCI (n=106) è andatio incontro a morte entro 30 giorni dopo la dimissione. Dopo analisi multivariata, il sesso femminile, il livello di istruzione pari o superiore ad un diploma di scuola superiore, angina instabile, ictus o attacco ischemico transitorio, malattia renale da moderata a grave, malattia polmonare ostruttiva cronica, ulcera peptica, cancro metastatico, e una lunghezza di ricovero precedente superiore a 3 giorni o più erano associati ad un aumentato rischio di riammissione a 30 giorni dopo PCI. Tale risultato era associato con un più alto rischio di mortalità ad 1 anno (hazard ratio aggiustato, 1,38, 95% CI, 1,08-1,75, P=0.009). Si è osservato che quasi 1 su 10 pazienti sottoposti a PCI sono stati riammessi entro 30 giorni e tale dato è risultato associato con un più alto rischio di mortalità ad 1 anno.

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOTIZIE DI CARDIOLOGIA E DIABETOLOGIA?
Iscriviti gratuitamente e ricevi le news di CardioLink direttamente nella tua e-mail

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo e-mail

Scarica la nostra nuova APP MyCardioLink
Scarica App MyCardioLink Scarica App MyCardioLink

Leggi l'articolo completo su CardioLink Scientific News

VERSIONE SEMPLIFICATA DEI CONTENUTI DI CARDIOLINK SCIENTIFIC NEWS

VISUALIZZA VERSIONE COMPLETA